La tentazione di essere felici

la-tentazione-di-essere-felici-copertina_837x1024Dato che fine agosto per l’Italia è stato un periodo in cui preferire il silenzio, gli altri due libri che avevo in mente per voi ho deciso di tenerli in serbo per la fine dell’estate e la fine dell’autunno.

E non mi dispiace: sono libri che vi faranno sicuramente ridere e sorridere, ma vi faranno molto riflettere e affascinare con la rapida, ma mai scontata e sempre ragionata, scrittura dei due autori. Quindi si adattano bene al periodo, secondo me.

Scelgo per primo La tentazione di essere felici, così da spezzare bruscamente il romanticismo femminile che pervadeva i libri precedenti (Una casa sul mare del Nord e Love with a chance of drowning).

La tentazione di essere felici è infatti un libro decisamente ‘al maschile’, dato che è stato scritto dalla penna del bravissimo Lorenzo Marone e che ha per protagonista Cesare Annunziata, un anziano signore che si descrive, senza troppe remore, come un vecchio burbero ed egoista. Eppure vedrete che affascinerà qualsiasi tipo di lettore…

La vita di Cesare, ora che è vedovo, è scandita da diverse cose: dagli incontri, più o meno piacevoli, che ha con i suoi vicini di casa, dai suoi servizi come nonno-baby sitter per il nipotino, di cui apprezza e condivide le poche responsabilità (e la poca voglia di averne), dalle ore di passione trascorse con Rossana, napoletana verace non più giovane che arrotonda così il suo stipendio di infermiera, e dai suoi mille rimpianti, ragionati sempre con un misto di ironia e tristezza, primo fra tutti il non aver saputo costruire un vero rapporto con i suoi figli.

Con il suo tono cinico e il suo sarcasmo, ci descrive le sue giornate, i suoi acciacchi, la sua difficoltà di accettare un corpo che invecchia, ma pian piano ci fa addentrare anche fra i suoi ricordi e la sua vita di un tempo.
Una giovane, dolce ragazza riesce infatti a scalfire pian piano il suo duro scudo di menefreghismo.
Si chiama Emma, è la sua nuova vicina di casa ed è sposata a un uomo rude e violento che a Cesare proprio non riesce a piacere. Per quanto lui si sforzi a non farla entrare nella sua vita e men che meno a entrare in quella di lei, a forza di richieste di soccorso più o meno esplicite, Emma riuscirà a coinvolgerlo e a trascinarlo in una difficile storia, forse più grande di lui, ma che l’aiuterà a rivedere e rivalutare quella sua vita che crede ormai sul finire.
Rivaluterà la sua capacità di pre-occuparsi per gli altri, di saper capire i suoi figli, di poterli ascoltare e, perché no, consigliare, senza giudicarli, di essere considerato come padre, dai suoi figli, di parlare senza necessariamente fare battute ironiche, di sorridere e magari abbracciare, di vivere ogni momento della propria vita, anche quando si crede, erroneamente, di essere arrivati alla fine. Insomma, la sua capacità di amare ed essere amato.

E quando avrete finito di leggere il libro, insieme a Cesare Annunziata non potrete fare a meno di scrivere anche voi la vostra lista dei “Mi piace”, in linea con l’ultimo della sua personale lista: «Mi piace chi combatte ogni giorno per essere felice».

Se non l’avete ancora fatto, lasciatevi rapire dalla tentazione di essere felici, leggendo questo libro. Poi, fatemi sapere che cosa ne pensate!

Potete trovare notizie in più su Lorenzo Marone e su La tentazione di essere felici a questo link: www.lorenzomarone.net

 Buona lettura!

ph. www.lorenzomarone.net

Rispondi